6 settembre 2018

Progetto Interveg: FIRAB ne illustra i risultati

Il progetto InterVeg – Enhancing multifunctional benefits of cover crops − vegetables intercropping, nel corso del quinquennio 2011-2015, ha avuto l’obiettivo di studiare, secondo un approccio interdisciplinare, l’intercropping (ovvero la contemporanea presenza sul terreno della coltura da reddito e della coltura di copertura) nei sistemi orticoli biologici, ovvero focalizzando lo studio sugli effetti, in termini di servizi ecologici e benefici economici, che possono derivare dalla coltura consociata mediante il living mulch nei sistemi di coltivazione biologica orticola.

InterVeg, finanziato dal bando “Era Net Core Organic II”, è stata dunque un’opportunità importante per creare sinergie tra le attività dei partner di quattro diversi Paesi europei, Italia, Slovenia, Germania e DanimarcaL’obiettivo principale del progetto è infatti stato quello di valutare l’effetto dell’introduzione della pacciamatura vegetale nei sistemi di produzione orticola biologici considerando le strategie di gestione che permettono di massimizzarne i benefici. 

Le colture di copertura rappresentano uno strumento importante negli agro-ecosistemi condotti in biologico, che permette di gestire contemporaneamente la fertilità del suolo, le malattie, i parassiti e le erbe infestanti. Le colture di copertura non sono molto diffuse nei sistemi orticoli specializzati, ma possono essere introdotte come pacciamatura naturale, consociate con le ortive da reddito.

L’introduzione e la gestione corretta del living mulch nei sistemi orticoli (rispetto ai sistemi di monocoltura da reddito) può portare a rese più stabili nel tempo, ad una più alta qualità della produzione, ad una migliore gestione delle infestanti e dei nutrienti, ad più basso impatto ambientale sul suolo e sul terreno, ad una redditività più alta (mediante, ad esempio, l’abbattimento dei costi dovuti a ridotti input esterni), a un incremento della bio-diversità degli eco-sistemi agricoli e a una maggiore credibilità di fronte ai consumatori.

I due sistemi orticoli, quello con la consociazione e quello con la coltura singola, sono stati confrontati in termini di rese, di uso di input esterni all’azienda, di efficienza nella gestione dei nutrienti e di consumo di energia in diverse condizioni ambientali europee, caratterizzate dalla produzione di ortaggi biologici in pieno campo. 

Il coinvolgimento diretto di alcune aziende agricole biologiche nelle attività sperimentali del progetto ha permesso da una parte di valutare gli effetti della pacciamatura naturale anche su scala più ampia, quali ad esempio gli effetti sugli insetti benefici e sui patogeni, favorendo allo stesso tempo la partecipazione degli agricoltori all’attività del progetto e la disseminazione dei risultati tra tutti gli stakeholders. Dal punto di vista metodologico, il progetto ha seguito i criteri della ricerca partecipativa e fondamentale è stato il ruolo degli agricoltori coinvolti.

Il prezioso lavoro di collaborazione tra enti di ricerca e associazioni provenienti da quattro stati dell’Unione Europea (Italia, Slovenia, Germania e Danimarca) ha permesso la valutazione dell’impatto di questa tecnica sui vari sistemi produttivi delle aziende partners.

Al fine di ottimizzare e affinare questa modalità di coltivazione, sono state avviate sperimentazioni di living mulch in contesti ambientali con condizioni di terreno e climatiche distanti geograficamente e, pertanto, molto differenti tra loro.

All’interno di InterVeg, FIRAB ha collaborato con AIAB per identificare e favorire il coinvolgimento degli stakeholders stabilendo delle linee guida finalizzate ad assicurare e monitorare la partecipazione di tutti gli attori locali aderenti (produttori biologici, tecnici, autorità locali).
Ha inoltre promosso la divulgazione dei risultati di volta in volta ottenuti mediante la produzione di adeguato materiale di disseminazione.
Inoltre, con la collaborazione del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura, capofila del progetto, e con il supporto di tutti i partners, AIAB ha realizzato un video in cui sono sintetizzati, attraverso la viva voce dei protagonisti – ricercatori e agricoltori, i risultati raggiunti nei diversi Paesi.

Video: cliccare qui

Descrizione

Il progetto interveg copre simultaneamente 3 su 4 aree di ricerca della prima call CORE ORGANIC 2010. Il progetto è stato sviluppato in sinergia con altri progetti realizzati a livello nazionale:
−Orweeds (IT) – metodi indiretti per la gestione delle infestanti in orticoltura biologica
−ValorBio (IT) – Valorizzazione della tipicità orticola attraverso l’agricoltura biologica.
−SOSBio (IT) – Indicatori per la sostenibilità in biologico
−VegQure (DK) – intercropping in vegetable systems

Gli obiettivi e l’approccio di InterVeg sono in linea con il principio di intensificazione eco-funzionale menzionato nella Agenda Strategica di Ricerca per il biologico della piattaforma TP Organics (Schmid et al., 2009)

Materiale di approfondimento

Per una descrizione più dettagliata del progetto si possono consultare i documenti pdf in italiano

Il progetto InterVeg è cofinanziato da ERA-net CORE Organic II attraverso finanziamenti nazionali destinati a ogni singolo partner.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi