18 Maggio 2022

Progetto ALL Organic

Il progetto di ricerca ALL-Organic, finanziato dal Programma CORE Organic e coordinato dal CREA, promuove una rete funzionale di esperienze, modelli e sistemi in grado di sostenere lo sviluppo di sistemi alimentari biologici diversificati, con l’obiettivo di implementare produzioni biologiche resilienti con il coinvolgimento degli attori del sistema alimentare biologico nel quadro di Living Lab agroecologici.

FIRAB affianca il CREA quale altro partner italiano di progetto, integrandosi con centri di ricerca di 5 Paesi dell’Europa (Estonia, Polonia, Romania e – ovviamente Italia) e del Nord Africa (Algeria) che armonizzano il lavoro intorno all’implementazione di sistemi di colturali diversificati, co-progettati e adattati localmente in regime biologico.

Il progetto lavora su più scale di diversificazione: spaziale, temporale, genetica e tecnica. L’integrazione di queste opzioni, tarata su scala locale, rappresenta una strategia volta a sfruttare le funzioni dell’agrobiodiversità per ridurre l’impatto di parassiti e patogeni attenuando la dipendenza da prodotti fitosanitari extra-agricoli, per utilizzare in modo efficiente le risorse e i sottoprodotti dell’azienda agricola riducendo gli sprechi e le perdite di nutrienti, e per mitigare l’impatto del cambiamento climatico, perseguendo la stabilità delle rese.

L’approccio originale di questo progetto è il Living Lab agroecologico, basato sul coinvolgimento sociale e biofisico di più attori per co-creare, esplorare e valutare insieme le innovazioni e le strategie di diversificazione. Il Living Lab costituisce un gruppo selezionato e facilitato di attori che si impegnano a lavorare insieme a lungo termine per risolvere un problema comune o sviluppare un’opportunità comune in una prospettiva locale, specifica e personalizzata.

Attraverso il coinvolgimento attivo di agricoltori, ricercatori e altri partner interessati nella co-progettazione, nel monitoraggio e nella valutazione di pratiche e tecnologie agricole nuove ed esistenti, la comunità del Living Lab può identificare e affrontare gli ostacoli all’adozione di pratiche e tecnologie in modo più efficace, generando ed elaborando una maggiore gamma di dati e informazioni utili all’insieme dei partecipanti il lavoro di co-ricerca.

Per l’Italia, il Living Lab opererà nel Mezzogiorno, coinvolgendo in modo particolare realtà aziendali biologiche della Basilicata. Il progetto gode infatti di una base operativa offerta dalla stazione sperimentale CREA di Metaponto (MT) quale primo luogo di realizzazione di una parte di attività di ricerca, al quale si affiancano le aziende biologiche che intendono adottare taluni approcci di diversificazione identificati nel corso del confronto interno al Living Lab.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi